Avvocato matrimonialista a Lucca

Separazioni, Divorzi, Mantenimento, Eredità, etc

Il diritto di famiglia è un ramo del diritto civile nel quale si trattano prevalentemente rapporti matrimoniali in cui opera l’Avvocato Matrimonialista, intervenendo quando una coppia sceglie di separarsi, o anche nel caso in cui un solo membro lo decida unilateralmente. Oltre a ciò, l’avvocato matrimonialista si occupa di tutelare i figli ed il patrimonio del cliente per ottenere le migliori condizioni possibili.

Le tematiche più spesso affrontate da un avvocato matrimonialista riguardano separazioni, divorzi, assegni di mantenimento e affidamento dei figli.
Separazione consensuale: i coniugi possono avvalersi di un unico avvocato o ciascuno può avere il suo. La procedura inizia con uno o più incontri in cui i coniugi decidono di comune accordo le condizioni della separazione (chi resta nella casa familiare, con chi vivranno prevalentemente i figli, a quanto ammonterà il contributo al loro mantenimento, come dividere le spese straordinarie, come sarà disciplinato il diritto di visita etc.). Poi viene redatto dall’avvocato un ricorso per separazione consensuale che sarà depositato in Tribunale. Seguirà da parte del Tribunale la fissazione di una udienza nel corso della quale i coniugi dovranno comparire per confermare davanti al Giudice la volontà di separarsi a quelle condizioni. Dopodichè il Tribunale omologherà la separazione.

Anche il divorzio può essere congiunto o giudiziale e si svolge con le medesime forme, rispettivamente, della separazione consensuale o giudiziale. Con la pronuncia di divorzio il matrimonio finisce e le parti non sono più coniugi, la moglie perde il cognome del marito, al coniuge più debole può essere riconosciuto un assegno divorzile, viene decisa la destinazione della casa coniugale e ciascun coniuge perde i diritti successori nei confronti dell’altro.

Affidamento dei figli: quando due coniugi si separano e divorziano, il Tribunale si pronuncia sull’affidamento dei figli nel caso in cui questi siano minorenni. La legge vuole che il giudice, nel decidere, tenga conto dell’esclusivo interesse morale e materiale dei figli, per consentire loro di vivere in condizioni ottimali. Per raggiungere questo fine, solitamente il giudice decide per l’affidamento condiviso: il minore viene così affidato ad entrambi i genitori, che se ne devono occupare mantenendo con lui un rapporto sereno ed equilibrato. Il padre e la madre devono continuare a garantire cura, educazione ed istruzione agevolando anche i rapporti con i componenti delle rispettive famiglie di origine. Tuttavia, se il giudice ritiene che l’affidamento condiviso sia contrario agli interessi del minore, può decidere di affidarlo a uno dei genitori.

0583 493467 per ricevere una prima consulenza telefonica senza impegno oppure invia una mail a segreteria@avvocaticollegati.it

Compila il form per richiedere un appuntamento

Se sei un nuovo cliente puoi chiamarci tutti i giorni per richiedere una consulenza telefonica orientativa gratuita. Nel corso della telefonata potrai fare una domanda e riceverai una risposta sintetica dall'avvocato, il quale potrà essere più esaustivo solo in sede di un eventuale incontro in studio o tramite video consulenza. Oppure, se preferisci, puoi compilare il form sottostante con una breve spiegazione del problema e sarai ricontattato.